Lessons learned

Lessons learned in questi ultimi giorni!

Silicon Valley Tour – Luglio 2013

  • a ogni startup sta il suo mercato ma se vuoi essere globale il modello di riferimento sono gli USA e non l’Europa;
  • la velocit√† di esecuzione √® importante quanto gli obiettivi che ci si pone: negli USA questa √® una legge divina, in Europa non lo √® ancora;
  • costruire network non porta sempre al successo e pu√≤ costituire una gran perdita di tempo ma senza network non si raggiunge il successo.

Closing dell’operazione di finanziamento di MilkyWay – 10 luglio 2013

  • i Fondi di Investimento sanno essere molto severi e sanno dare ottimi consigli;
  • nelle operazioni di natura finanziaria i rapporti umani contano;
  • passare dalla teoria alla pratica implica spesso di ricordare che la teoria ha la sua importanza;
  • chiudere un accordo √® una questione di tempo, di sana pazienza e di capacit√† di ascoltare le parti e questo sembra essere contrario alla necessit√† di essere veloci ma non lo √®;
  • il raggiungimento di un obiettivo √® il primo step per raggiungere l’obiettivo successivo: al momento della richiesta di finanziamento¬†non si puo’ caricare una startup dei costi gi√† sostenuti e mai emersi ¬†( come ad esempio il costo del tempo dedicato al progetto dai founders – mai remunerato)
  • in una buona programmazione si devono mettere a budget i costi utili al raggiungimento degli obiettivi che ci si √® posti in termini di fatturato prevedendo stipendi e remunerazioni compatibili col tempo che i founders e il management dedicano all’azienda e con le loro capacit√† – adottando anche piani di stock option adeguati – ( la startup deve dimostrare di farcela con le sue gambe, non per finta);
  • la valutazione d’azienda non √® una scienza esatta: le ipotesi di fondo devono essere razionali ma, soprattutto, condivise.
Lessons learned

L’Emilia Romagna muove l’innovazione

RESEARCH TO BUSINESS – BOLOGNA
Resarch to Business chiude i battenti. La fiera della ricerca che incontra l’impresa ha registrato un elevato numero di presenze ma ha soprattuto favorito un notevole scambio di informazioni tra gli operatori e un ancora pi√Ļ elevato scambio di contatti.
Resarch to Business nata per stimolare l’interazione tra qualificati centri di ricerca e il mondo delle imprese, per fare scaturire opportunit√† di collaborazione e di trasferimento tecnologico e per favorire lo sviluppo di nuovi prodotti e processi quest’anno √® diventata anche il luogo per fare incontrare il mondo della finanza alternativa e quello dell’impresa innovativa.

Il networking √® alla base di ogni processo innovativo. Le informazioni che rimangono isolate non sono destinate a creare valore e opportunit√† di business. Le fiere sono diventate troppo costose e lo sono ancora di pi√Ļ per le start-up e gli spin-off universitari e d’impresa i quali non hanno ingenti capitali e devono, in tempi di crisi, ridurre al minimo spese di pubblicit√† e consulenze di marketing.

Reaserach to Business attraverso vari eventi di newtorking e la presenza di moltissime start-up, idee d’impresa e spin-off universitari – che potevano esporre gratuitamente – ha favorito lo scambio di contatti, di idee, ha fornito opportunit√† per trovare partners e finanziatori e ha stimolato la loro contaminazione – nel corso del pitching event un fondo americano che finanzia unicamente start-up nel settore delle biotecnologie √® stato cos√¨ colpito dall’idea di un team di giovani imprenditori bolognesi da chiedergli di fissare ulteriori incontri –

INNOVA DAY- MODENA
Finita la fiera non √® finita la festa! Ancora qualche settimana ed √® il turno di Modena. Il 16 e il 17 Dicembre Modena diventa la capitale dell’innovazione con INNOVA DAY.

innovatestata_1

INNOVA DAY non √® una fiera ma un evento di networking nel quale le start-up innovative e gli aspiranti imprenditori attraverso molti momenti organizzati – pitching session, incontri to one, presentazioni aziendali a gruppi ristretti, workshop e convegni – potranno scambiarsi informazioni utili sui loro prodotti e servizi, per realizzare partnership per partecipare a Bandi Nazionali ed Europei, potranno presentarsi a potenziali finanziatori clienti e fornitori. L’obiettivo non nascoso di INNOVA DAY √® infatti quello di offrire alle start-up innovative:
1.nuove opportunità di mercato
2.nuove occasioni di finanziamento.
Lo slogan √® chiaro: “Dall’innovazione all’investimento”.

Da quando √® on-line il sito http://www.innovaday.it sono 36 le start-up, gli spin-off e le idee d’impresa che si sono iscritte all’evento. Provengono da tutta Italia anche se una fetta consistente √® rappresentata da imprese e aspiranti imprenditori emiliano-romagnoli. Le iscrizioni chiuderanno il 6 di Dicembre.

L’Emilia Romagna sembra volere guardare la crisi come un’opportunit√† da cogliere al volo per favorire lo svilluppo di processi innovativi all’interno delle imprese, che costituiranno il motore della crescita quando la crisi economica terminer√†. Dopo l’approvazione dei finanziamenti regionali ai progetti dei TECNOPOLI tra cui anche quello di Modena e dopo il successo della fiera Research to Business sar√† INNOVA DAY organizzato da DemoCenter-Sipe e dall’Universit√† di Modena e Reggio Emilia ad offrire nuove opportunit√† alle start-up innovative per incontrare fondi di seed e di venture capital, banche, business angels e scout d’impresa. Hanno gi√† aderito fondi americani e italiani, banche nazionali e locali, business angels che operano su tutto il territorio nazionale e buiness angels che si concentrano solo su investimenti in Regione.

INNOVA DAY costituir√† una buona occasione per fare vera innovazione! A testimonianza di quanto DemoCenter-Sipe e l’Universit√† di Modena e Reggio Emilia credano in questo progetto √® stato chiamato Emil Abirascid l’organizzatore di Percorsi dell’Innovazione a SMAU, nonch√® giornalista di Wired e de “Il Sole 24 Ore”.

Per informazioni: www.innovaday.it

L’Emilia Romagna muove l’innovazione