Speed Date di Percorsi dell’Innovazione – SMAU

Ore 14:00 il parterre degli inverstitori, incubatori, consulenti e advisor è gremito. Scambio un paio di idee con il responsabile del progetto networking di Cisco e con i ragazzi di i-Starter: hanno tanta voglia di fare e un ottimo background per lanciare sul mercato idee disruptive e captive nei confronti degli investitori.

Il parterre è di assoluto valore. Sono presenti da Area Science Park – con il grande Gabriele Persi – a Principia, da RCS Media a Early Bird, da IBAN a IAG da Cisco a TTVenture all’Incubatore del Polo Tecnologico di Navacchio.

Alle 14:15 comincia lo speed date. Ogni progetto ha tre minuti per presentarsi. Alcuni progetti sono veramente molto interessanti. Da Genefinity che si presenta con un nuovo prodotto very captive. Una macchina per produrre tatuaggi – Gold Sin Jewels – che utilizza una tecnologia in grado di realizzarli made by oro a costi molto bassi e di ottima fattura. Si tratta di prodotti usa e getta che durano circa tre giorni e che sono di assoluto successo. Senza finanziamenti Genefinity ha già raggiunto un fatturato di 600.000 Euro grazie a un accordo di commercializzazione con un grande player.

Virtualbuzz piattaforma di networking con target businessmen che punta a offrire servizi a elevato valore aggiunto ( prima di tutto ranking e accreditamento personale) a costi assolutamente competitivi rispetto a quelli dei grandi player del settore come Linkedin.

Seabreath startup con una interessante tecnologia clean tech per produrre energia sfruttando il movimento delle onde e le correnti marine.

Di fianco a me, nel mio stesso tavolo, una persona veramente strepitosa. Si tratta di uno dei founders di Jupiter Venture: uno dei fondi di maggiore successo in Italia. Ha investito in progetti che hanno ottenuto risultati strepitosi a livello globale come Yoox. ….. Paolo Gesess è pungente e acuto. Sa capire lo spirito delle startup colpendo rapidamente nel segno quando si tratta di comprendere punti di forza e di debolezza dei progetti. Una persona che inviterei ogni startup – Lui non me ne voglia – a incontrare per avere qualche brillante suggerimento su come orientare il Suo business.

Al termine – dopo 1 ora e 30 di intenso lavoro – le 32 startup e gli investitori si sono rilassati con un po’ di sano networking informale. Nel corso della serata un altro incontro molto interessante con Leonardo Zangrando. Dopo un inseguimento di mesi tra Italia e Silicon Valley finalmente siamo riusciti a beccarci e a iniziare a progettare una bella attività insieme. Ieri Leonardo è stato ospitato sul Blog di Severgnini per la sua intensa attività su Lean Start-Up e alcuni giorni fa è stata pubblicata la versione italiana da lui tradotta del famoso e discusso Pretotype.

Un grazie ancora a Emil. Speed Date e Percorsi dell’Innovazione sono progetti concreti senza fronzoli che ogni anno fanno incontrare le startup faccia a faccia con il loro probabile futuro.

E un grazie anche al team di Startupbusiness: sempre sul pezzo – thanks Donatella-

Digressione

The Day After…..Innova Day ICT MECCANICA e AGROFOOD

How do you measure la volontà di emergere di un numero cosi’ elevato di startup che partecipano a eventi , che decidono di lanciarsi in un pitch davanti a imprenditori e business angel che potrebbero distruggere il loro progetto con la forza di un parola?

La risposta è semplice. La misura numero uno è l’atteggiamento. Non il provarci tanto per dire: “ci ho provato”. Ma il “ci provo e in più cerco di farlo al meglio” magari ascoltando i consigli non sempre gentili e pacati di chi ne ha visti  molti di pitch e può dare qualche suggerimento utile.

Ieri a Innova Day abbiamo misurato che la volontà e l’atteggiamento positivo sono veramente molto elevati.

In questi 4 anni – Innova Day è giunto con questa alla 4^edizione – raramente mi è capitato di vedere progetti presentarsi con la qualità dimostrata ieri.

Nekimol ha vinto ma tutti hanno meritato fino in fondo i loro 5 minuti di gloria.  Nekimol è un progetto dedicato alla sicurezza alimentare. Testimonia che anche in un settore che pare innovare poco perchè è ancora molto legato alla tradizione si puo’ fare tantissimo.

Secondo classificato è stato Ecotech. Un progetto che intende industrializzare un motore molto performante e a bassi consumi applicabile soprattutto nel settore industriale. Ecotech intende adottare un modello di business duplice: da un lato vuole servire nicchie di mercato dove la personalizzazione è la regola ma nelle quali le marginalità sono più basse e dall’altro intende fornire in licensing i brevetti depositati a grandi players per industrializzare le componenti a livelli decisamente più elevati

Terzo un progetto ICT  veramente originale e interessante sopratutto per il mercato in cui intende operare e per il know how del team che lo mette in campo. E’ 77 vids: un team di videomakers guidati da un developer che lanceranno tra poche settimane un  innovativo marketplace per commercializzare clip customizzabili attraverso una piattaforma software proprietaria. Il progetto intende entrare nel mercato, già denso ma sempre più promettente, dei template e rivoluzionarlo attraverso una tecnologia proprietaria molto innovativa e “easy to use”.

Ma tutti i progetti che si sono presentati sono stati di un livello decisamente buono e  in più come ha chiosato Emil Abirascid a conclusione dell’evento: “il vero vincitore lo decreterà il mercato….”.

Un grazie a tutte le imprese, gli imprenditori, le associazioni di categoria presenti (CNA, Lapam, Confindustria Modena), ai business angels di IBAN  e IAG, a We Tech Off e ai Professori Andrisano, Bonfatti, Massini che hanno coordinato i tavoli tecnici che dopo il pitch hanno consentito alle imprese alle start-up e ai laboratori presenti di confrontarsi sulle rispettive esigenze.

Infine un grazie all’incubatore I3P  di Torino – con  il quale la Fondazione Democenter-Sipe ha attivato una collaborazione intensa finalizzata a dare vita a una rete di incubatori a livello nazionale – e al suo Direttore Mario Vittone per avere animato una tavola rotonda davvero molto interessante.

The Day After…..Innova Day ICT MECCANICA e AGROFOOD

Brad Feld: “Hai solo 60 secondi per catturare l’attenzione di un investitore”

Presentare un progetto di business in un evento pubblico o ad altre persone in particolare investitori è un’esperienza che mette in gioco molto di se stessi. Il progetto che si presenta, la pianificazione che si è svolta e i risultati ottenuti concretamente sono molto importanti ma in quei minuti ci si gioca molto di più. Qui di seguito alcuni brevi consigli di Brad Feld Co-Founder di TechStars e Managing Director di Foundry Group presi da uno dei suoi ultimi post:

“Yesterday, I spent 30 minutes with one of the teams in TechStars Seattle that I’m a lead mentor for. They are a month away from Demo Day and wanted to practice the very rough version of the demo day presentation. I gave them a bunch of feedback – some specific, some general, including:

  • Show don’t tell
  • I hate doing the overview / bios at the beginning
  • You wasted the first 60 seconds
  • Weak explanation of what you are actually doing and why I care
  • Still don’t really know what you do

If you are an entrepreneur, you have less than 60 seconds to get an investors attention. Don’t waste it.”

Continua qui (…)

Tratto da Feld.com

Brad Feld: “Hai solo 60 secondi per catturare l’attenzione di un investitore”

Going to Seattle

Sono arrivato a Seattle con un Volo da Francoforte di circa 9 ore. Ne avevo sentito parlare molto. Seattle è sede di Microsoft, Amazon, Boeing e di molte altre imprese e start-up americane di successo. Da subito si è presentata come un’esperienza unica, grazie a Luca Escoffier che mi ha presentato ai suoi amici qui in America: mentors, advisors, investitori, consulenti e ricercatori di primissimo piano che operano all’interno di laboratori e centri dotati di risorse da fare impallidire gli investimenti in R&D italiani. E’ probaibile che nella sola città di Seattle tra investimenti pubblici e privati si raggiunga l’ammontare degli investimenti pubblici in ricerca italiani.

Dopo una notte di riposo il primo  giorno è stato da subito intenso.

Al mattino ho partecipato ad alcune lezioni del corso Casrip organizzato dalla Law School della University of Washington: relatore l’Avv. Paul T. Meiklejohn. Paul è l’avvocato delle Cause Microsoft vs Samsung inerenti la proprietà intellettuale che animano le pagine dei giornali di tutto il mondo e che tanto fanno discutere.

Nel primo pomeriggio meeting con uno dei manager della società Teague: leader negli Stati Uniti – assieme ad Ideo – per quanto riguarda la progettazione e il design di prodotti innovativi. Incontro che ha portato a una proposta di collaborazione che vedrà la Fondazione Democenter-Sipe in pole position per realizzare progetti innovativi facendo da ponte tra Seattle e l’Italia.

Verso sera un incontro di primissimo livello con la co-responsabile del Center For Commercialization dell’Università di Washington, una delle prime al mondo per quanto riguarda i corsi in diritto industriale e commercializzazione delle tecnologie universitarie.

Lisa Norton  – Associate Director del C4C – racconta la storia e le attività del Centro con un sorriso smagliante mostrando grande professionalità e un grande amore per la Sua attività:

“Il Center for Commercialization è un ufficio dell’Università di Washington – una università pubblica – guidato dal 2006 da Linden Rhoads una Venture Capitalist con una lunga esperienza nel mondo delle start-up biotech. E’ la fondatrice per esempio di  ChiliSoft, Singingfish.com, AdRelevance, GBI, e di Nimble Technology. Linden Rhoads ha strutturato l’ufficio come una vera e proipia società di consulenza dotata di tre business units: una dedicata al Technology Management all’interno della quale operano circa 30 Managers con esperienza scientifica, una dedicata all’IP in cui operano 20 Attorneys at Law che si occupano di tutelare la proprietà intellettuale e  le idee prodotte all’interno dei centri e dei laboratori di pirmissmo livello dell’Università in particolare i labs focalizzati su attività di ricerca nei settori del Biotech e delle Nanotecnologie; infine la terza business unit dedicata alla finanza. Il Centro gestisce un fondo di investimento che ogni anno eroga finanziamenti a spinoffs e idee d’impresa pari a circa 1,5 milioni di dollari.”

La giornata si è conclusa con un Reception-Networking allo studio Dorsey al 61^ piano del grattacielo più alto di Seattle (n.d. Columbia Tower). Incontri unici con il responsabile tutela della proprietà intellettuale di Bayer, il responsabile area IP del Parco Tecnologico di Taiwan,  un membro del Ministero dello Sviluppo Indiano, ricercatori Israeliani e Cinesi che operano in ambito biotech.

Sintesi estrema dei pochi giorni trascorsi nella città: “per innovare occorre sapere stare insieme ad altre persone, confrontarsi, fare networking, avere il coraggio di uscire dal proprio guscio e confrontarsi con competenze – possibilmente – dotate di skills superiori al nostro. Solo da loro si puo’ veramente imparare qualcosa e fare diventare una semplice idea un’idea di successo”

Seattle è una città bellissima. La gente è cordiale e disponibile: si avvicina a Te sempre con un sorriso smagliante e ha sempre una parola di cortesia. E’ il luogo ideale per fare impresa e trovare partner interessati a progetti di business. In più ha la fortuna – tutta cercata e meritata – di avere a pochi passi dal Centro un campus universitario che non ha nulla da invidiare alle fab four americane.

L’incubatore d’impresa presente nel Campus è di nuova realizzazione e si concentra su molte aree tematiche con progetti di primissimo livello nei settori delle Green Technologies, delle Nanotecnologie e del Biotech. Bill Gates ha finanziato una foundation tra le più ricche e importanti al mondo e la realtà cittadina è dinamica. Come in molte altre metropoli vitali del mondo anche qui è nato uno spazio di co-working firmato  The Hub e a Settembre è in calendario uno Start-Up Week End che sfrutterà le competenze del Computer Science Department finanziato da Paul Allen all’interno del Campus Universitario per lanciare qualche disruptive idea.

Come dicono da queste parti: “Hi Guys. Hi Girls. Come to Seattle”

Going to Seattle

ANTEPRIMA: Bando Incubatore – Fondazione Democenter-Sipe – Tecnopolo di Modena – Unione Terre di Castelli

In anteprima per gli amici il BANDO INCUBATORE TECNOPOLO DI MODENA – UNIONE TERRE DI CASTELLI per selezionare:

  1. 5 idee di business, start-up, spin-off universitari o spin-out industriali che riceveranno servizi di Incubazione Rreale (location, sala conferenza, wi-fi, laboratori) e accederanno a un Progrmma di Accelerazione d’Impresa (formazione + consulenze)
  2. 5 idee di business, start-up, spin-off universitari o spin-out industriali che accederanno al Programma di Accelerazione d’Impresa (fomazione + consulenze)
  • Lunedi apriranno le iscrizioni sul sito www-democentersipe.it.
  • Il giorno 4 settembre 2012 a mezzanotte chiuderà la call per apiranti imprenditori, start-up costituite da max 24 mesi, spin-off universitari costituti da max 36 mesi e spin-out industriali costituiti da max 24 mesi.
  • Nel bando sono indicate le procedure di selezione in cui verranno coinvolti un network di imprenditori, business angels, consulenti, advisors e finanziatori istituzionali.


Bando Incubatore del Tecnopolo di Modena 
  presso  l’Unione Terre di Castelli

Articolo 1 – Obiettivi

La Fondazione Democenter-Sipe promuove un bando per selezionare, secondo i criteri di seguito indicati, nuove idee imprenditoriali e nuove imprese che intendano seguire un programma di incubazione finalizzato a portare le idee e le start-up a valorizzarsi sul mercato.

Alle iniziative imprenditoriali selezionate verrà fornito un supporto nella fase di start-up a partire dal momento del concepimento dell’idea fino ad un periodo massimo di tre anni. Tale supporto sarà basato su un modello di accelerazione d’impresa che consisterà di servizi reali e attività consulenziali di alto profilo finalizzate ad accelerare il percorso di sviluppo delle idee d’impresa, delle start-up e degli spin-off universitari incubati.

 

Articolo 2 – Destinatari

Possono presentare domanda per il presente Bando:

aspiranti imprenditori/imprenditrici. In questo caso la domanda di partecipazione dovrà essere firmata da un soggetto, l’aspirante imprenditore, che risulterà l’unico referente per la Fondazione  DemoCenter-Sipe a cui verranno inviate le comunicazioni relative alla selezione prevista dal Bando. Inoltre, in caso di superamento della selezione, lo stesso sarà responsabile della costituzione della nuova impresa. L’impresa dovrà essere costituita e risultare attiva entro 4 mesi dalla data di ammissione all’insediamento nell’Incubatore;

microimprese o PMI (piccole e medie imprese)  iscritte al Registro Imprese da non oltre 24 mesi (alla data di presentazione della domanda). Sono escluse le imprese che si trovino in stato di fallimento, in liquidazione o in concordato preventivo o che abbiano già ottenuto altro contributo pubblico diretto per la medesima iniziativa.

spin-off universitari di secondo livello iscritti al Registro Imprese da non oltre 36 mesi (alla data di presentazione della domanda). Sono escluse le imprese che si trovino in stato di fallimento, in liquidazione o in concordato preventivo o che abbiano già ottenuto altro contributo pubblico diretto per la medesima iniziativa.

spin-out aziendali partecipati anche da Grandi Imprese iscritte al Registro delle Imprese da non oltre 24 mesi (alla data di presentazione della domanda). Sono escluse le imprese che si trovino in stato di fallimento, in liquidazione o in concordato preventivo o che abbiano già ottenuto altro contributo pubblico diretto per la medesima iniziativa.

Articolo 3 – Servizi erogati

Di seguito sono elencati i servizi a cui potranno accedere le imprese selezionate. Tali servizi saranno oggetto del contratto sottoscritto dagli aspiranti imprenditori e dalle start-up selezionate con la Fondazione DemoCenter-Sipe che definirà:

  1. un piano di incubazione personalizzato suddiviso in milestones indicante i momenti di verifica che dovranno essere svolti dal Comitato Tecnico Scientifico di Valutazione e dal Network di Sostenitori;
  2. i servizi erogati gratuitamentedalla Fondazione Democenter-Sipe;
  3. i servizi che prevedono una compartecipazione ai costi da parte degli aspiranti imprenditori, delle start-up, degli spin-off universitari e degli spin-out aziendali.

 

SERVIZI LOGISTICI

  • Spazi personalizzabili
  • Area di parcheggio comune
  • Servizio di pulizia per le parti comuni
  • Reception e gestione della posta in arrivo
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni e degli uffici
  • Assicurazione RC + incendio relativa al fabbricato
  • Vigilanza delle parti comuni
  • Predisposizione della rete informatica e rete telefonica
  • Sale riunioni
  • Sala server comune
  • Predisposizione per impianti di piccoli laboratori
  • Predisposizione accessi e spazi per piccole produzioni
  • Raccolta e smaltimento rifiuti
  • Telefonia e rete con possibilità di collegamento a rete a banda larga
  • Riscaldamento e climatizzazione degli spazi privati regolabile da ogni singolo utente
  • Pulizia e vigilanza degli spazi privati
  • Work station

SERVIZI PER L’ACCELERAZIONE D’IMPRESA

  • Tutoraggio
  • Coaching
  • Supporto nella definizione della corporate governance aziendale
  • Mentoring
  • Supporto alla creazione di partnership con imprese consolidate
  • Supporto alla commercializzazione
  • Supporto alla ricerca di finanza agevolata
  • Servizi legali
  • Servizi amministrativi, contabili
  • Team building e ricerca e selezione del personale
  • Advisoring
  • Business Modeling
  • Due diligence
  • Temporary management
  • Analisi di anteriorità e brokeraggio tecnologico
  • Tutela e valorizzazione della proprietà intellettuale
  • Business Matching
  • Consulenze per la definizione di strategie e piani di marketing e comunicazione
  • Supporto al fundrising
  • Supporto all’internazionalizzazione
  • Sviluppo prodotto/servizio e testing
  • Supporto per la realizzazione di prototipi
  • Supporto per la certificazione del prodotto/servizio
  • Supporto per la definizione di piani di industrializzazioneù
  • Supporto per la definizione di piani economico-finanziari
  • Consulenze per l’investors readiness
  • Formazione nell’ambito di un piano formativo realizzato in collaborazione con mentors, consulenti e i Professori Universitari dell’Università di Modena e Reggio Emilia
  • Presentazione periodica di best practices costituite da fondi di investimento, business angels, imprese, imprenditori, start-up di successo, esperti di innovazione, PR, giornalisti, advisors , consulenti e società di consulenza.

Articolo 4-  Presentazione della domanda di accesso

I soggetti interessati devono presentare la domanda di accesso e una sintesi dell’iniziativa imprenditoriale (ALLEGATO A). Le domande, corredate della documentazione di cui al successivo punto 6, possono essere presentate mediante compilazione del form on-line contenuto sul sito internet  www.democentersipe.it alla pagina dedicata al programma di incubazione.

 

Articolo 5 – Il percorso di selezione

La selezione tra le candidature pervenute avverrà ad insindacabile giudizio di un Comitato Tecnico Scientifico di Valutazione nominato dal CDA di Democenter-Sipe suddivisa in tre fasi. Nel percorso di valutazione il Comitato Tecnico Scientifico di Valutazione si avvarrà delle valutazioni di un soggetto indipendente incaricato dalla Fondazione Democenter-Sipe di svolgere l’attività di due diligence e di un Network di Sostenitori individuato dalla Fondazione stessa tra imprese e imprenditori operanti nel territorio provinciale di Modena e in particolare nel territorio dell’Unione Terre di castelli e tra finanziatori istituzionali e non istituzionali.

1. Prima fase- ISTRUTTORIA -: le domande, corredate della documentazione richiesta, saranno sottoposte  alla verifica dei requisiti formali di ammissibilità stabiliti all’articolo 6.

2. Seconda fase – SCREENING – : i candidati che hanno superato la prima fase verranno valutati

  • sulla base di analisi degli executive summary  (ALLEGATO A);
  • sulla base dell’analisi del curriculum vitae del team d’impresa (ALLEGATO B)
  • sulla base di colloqui one to one in cui verrà analizzata la predisposizione del team ad entrare nel ruolo aziendale.

3. Terza Fase – SELEZIONE FINALE -: i progetti candidati che hanno superato la seconda fase verranno sottoposti a una due diligence e verranno valutati dal Network di Sostenitori del programma di incubazione di DemoCenter-Sipe. La due diligence e le valutazioni del Network dei Sostenitori verranno inviate al Comitato Tecnico Scientifico di Valutazione che sceglierà i candidati da incubare. I criteri in base ai quali i membri del Comitato Tecnico Scientifico di Valutazione selezioneranno i progetti saranno i seguenti:

  • Fattibilità economica e sostenibilità finanziaria della nuova iniziativa imprenditoriale;
  • Curriculum professionale dei proponenti e livello di motivazione del team;
  • Grado di innovazione della proposta e valutazione delle considerazioni emerse in sede di due diligence;
  • Coerenza con i settori di interesse della Fondazione DemoCenter-Sipe e dell’Università di Modena e Reggio Emilia;
  • Grado di complementarietà con le aziende del Network di Sostenitori del programma di incubazione della Fondazione DemoCenter-Sipe.

Articolo 6 – Documentazione Obbligatoria

  1. Allegato A (Domanda comprensiva di Executive Summary descrittivo dell’iniziativa imprenditoriale)
  2. Allegato B (Curricula dei soci)
  3. Per le sole start-up, spin-off universitarie e spin-out industriali Visura Camerale con valore di certificato non anteriore a 6 mesi dalla data di presentazione della domanda.
  4. Fotocopia del documento d’identità del Legale Rappresentante o di ognuno dei proponenti del team di aspiranti imprenditori.

Gli ALLEGATI A e B sono compilabili on line sul sito www.democentersipe.it nella sezione dedicata al  programma di incubazione.

Gli altri documenti OBBLIGATORI  devono essere inviati entro e non oltre i termini della scadenza del Bando – vedi art. 7 – all’indirizzo di posta elettronica incubatore@democentersipe.it .

Articolo 7 – Scadenza del Bando

Le domande corredate degli ALLEGATI A e B e della documentazione obbligatoria dovranno essere presentate seguendo le procedure on-line indicate sul sito internet www.democenter-sipe.it alla pagina dedicata al programma di incubazione d’impresa entro e non oltre le ore 24:00 del giorno 4 Settembre 2012 pena l’esclusione delle stesse dalla procedura di selezione.

Articolo 8 – Corrispettivi e vincoli contrattuali

All’azienda indipendentemente dal piano di incubazione contenuto nella convenzione verrà imputata una quota mensile come da schema sottostante.

Modulo ufficio

Modulo ufficio/laboratorio

Modulo ufficio + Modulo Laboratorio

1^ anno

€ 180,00

€ 250,00

€ 400,00

2^ anno

€ 200,00

€ 275,00

€ 440,00

3^ anno

€ 220,00

€ 300,00

€ 480,00

 

Il percorso di incubazione ha una durata massima di 3 anni e la durata per ogni singolo progetto è basata sulla valutazione da parte del Comitato Scientifico di Valutazione in merito al raggiungimento delle milestones oggetto del piano di incubazione contenuto nel contratto sottoscritto dalla Fondazione Democenter-Sipe e dalle imprese incubate.

Articolo 9 – Trattamento dei dati personali

Ai sensi del d.lgs. 196 del 30 giugno 2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” si informa che tutti i dati che verranno in possesso della Fondazione DemoCenter-Sipe per l’espletamento del procedimento previsto dal presente bando, verranno utilizzati esclusivamente per gli scopi del presente bando e saranno oggetto di trattamento svolto con l’ausilio di sistemi informativi nel pieno rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza ai quali è ispirata l’attività dell’Ente. Il titolare dei dati forniti è Fondazione Democenter-Sipe. Le dichiarazioni mendaci, le falsità negli atti e l’uso di atti falsi sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi vigenti in materia.

Articolo 10 – Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento è il Dr. Stefano Casalgrandi

Per info:

Francesco Tel 3484338633; Skype francesco_baruffi; Mail f.baruffi@democentersipe.it

ANTEPRIMA: Bando Incubatore – Fondazione Democenter-Sipe – Tecnopolo di Modena – Unione Terre di Castelli

M31 USA a Innova Day: 02 Febbraio 2012

02 Febbraio 2012 Ore 14:00 a Modena Zona Fiera: parte la 4^ edizione di Innova Day.

In Prima fila:
1) Andrea Pontremoli A.D. di Dallara Automobili. Manager italiano tra i più conosciuti e di talento che dopo una lunga esperienza in IBM ha riportato al successo uno dei grandi nomi dell’automotive Italiano.

2) M31 USA. L’A.D. Aldo Cocchiglia a capo della business unit USA dell’incubatore M31 di Padova con sede in Silicon Valley presenterà uno dei servizi più innovativi per le start-up italiane che intendono sbarcare sul mercato statunitense per commercializzare prodotti e servizi e per attivare collaborazioni.

Per info:
http://www.innovaday.it/index.php?option=com_content&view=article&id=75&Itemid=103&lang=en

M31 USA a Innova Day: 02 Febbraio 2012

Finanziamenti per le start-up

Il 2012 parte con l’acceleratore per quanto riguarda i finanziamenti alle start-up.

LOMBARDIA

Prosegue il BANDO START. Si tratta di un bando a sportello.
Il bando ha l’obiettivo di favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese attraverso la messa a punto di un “sistema di servizi ed aiuti economici integrati a filiera” in grado di rispondere ai diversi bisogni dello start-up d’impresa: dal momento del concepimento dell’idea imprenditoriale fino alla gestione d’impresa nei primi 2 anni di attività ed ha come focus fondamentale
l’investimento sul “capitale umano” degli aspiranti e neo-imprenditori.

Il bando si compone di servizi ed di aiuti economici organizzati in azioni:
A1 – Azioni di Orientamento per la definizione dell’idea imprenditoriale;
A2 – Azioni di Formazione per la definizione del progetto imprenditoriale;
A3 – Azioni di Assistenza personalizzata per la stesura del Business Plan;
A4 – Azioni di Aiuti economici per lo start-up dell’impresa;
A5 – Azioni di Supporto all’occupazione;
A6 – Azioni di Assistenza personalizzata per la realizzazione degli investimenti e la rendicontazione delle spese;
A7 – Azioni di Mentoring e Consulenza specialistica per il supporto alla gestione della neoimpresa nei primi 2 anni di attività.

Per info consultare il sito: http://www.start.lombardia.it/

Qui il link per scaricare il Bando Integrale: http://www.start.lombardia.it/files/Bando_START_edizione_2011.pdf

PROVINCIA DI ROMA

Il Bando della Provincia di Roma prevede uno stanziamento complessivo di € 500.000,00 per sostenere:
1. la creazione e l’avvio di micro, piccole e medie Imprese ad alto contenuto creativo ed innovativo;
2. iniziative progettuali ad alto contenuto creativo ed innovativo di micro, piccole e medie Imprese di recente formazione (meno di ventiquattro mesi a far data dal 9 gennaio 2012).
Il Bando Scade il 29 febbraio 2012.

Per info seguire il link:
http://www.provincia.roma.it/percorsitematici/sviluppo-economico-e-attivita-produttive/eventi-e-iniziative/25159

Qui il link per scaricare il Bando integrale:
http://www.provincia.roma.it/sites/default/files/Bando_CREATIVITA_2011_0.pdf

TOSCANA

Nell’ambito del programma Giovani Si della Regione Toscana è prevista una azione dedicata allo start-up d’impresa: “Fare Impresa”.

Il Bando ha l’obiettivo di facilitare l’avvio di nuove imprese e l’attività imprenditoriale di giovani con età compresa fra i 18 e i 40 anni.

Il termine ultimo per la presentazione è il 30 aprile 2015. La misura sarà comunque attiva fino all’esaurimento dei fondi previsti.

Le risorse messe a disposizione sono complessivamente 12 milioni di euro in tre anni. Le richieste possono essere presentate in qualsiasi momento. Per il 50% sono destinate a finanziare le imprese di giovani fino a 40 anni, per il 30% le imprese a titolarità femminile, per il 20% le imprese costituite da lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali.

Beneficiari.
Possono accedere alle agevolazioni le piccole e medie imprese (incluse le cooperative), con sede legale e operativa in Toscana, iscritte o in corso di iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio.

Le imprese possono essere costituite da:
1. giovani, con età non superiore ai 40 anni;
2. donne, per le quali non è previsto alcun limite di età;
3. lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali per un periodo minimo di 6 mesi nei 24 precedenti la domanda di agevolazione; anche in questo caso non è previsto alcun limite di età.

Le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme:
1. prestazione di garanzia su finanziamenti e operazioni di leasing rilasciata alle banche e agli intermediari finanziari, per un importo massimo non superiore all’80% del finanziamento complessivo, e comunque per un importo garantito non superiore a 250.000 euro e una durata massima del finanziamento di 15 anni;
2. contributo per la riduzione del tasso di interesse su finanziamenti e operazioni di leasing, pari al 70% dell’importo degli interessi gravanti sul finanziamento;
3. assunzione di partecipazioni di minoranza nel capitale dell’impresa per un importo massimo di 100.000 euro, solo nel caso di imprese giovani, costituite come società di capitali e con un progetto di sviluppo a carattere innovativo,
La partecipazione al capitale dell’impresa è temporanea e deve essere smobilizzata entro 7 anni.

Qui il link per ottenre info:
http://www.giovanisi.it/2011/12/06/fare-impresa-dal-15-dicembre-le-domande-di-accesso-alle-agevolazioni/

Qui il link al regolamento del Bando “Fare Impresa”:
http://www.giovanisi.it/files/2011/04/regolamento.pdf

Finanziamenti per le start-up